I migliori posti per la pesca nel mar Adriatico

I migliori posti per la pesca nel mar Adriatico

La “location”, innanzitutto

Ogni agente immobiliare esperto vi confermerà il fatto che l’elemento chiave per la vendita di un immobile è sempre e comunque la sua “location”, ossia la zona in cui si trova. Lo stesso vale per la pesca: conoscere il posto giusto è uno degli elementi più importanti per una fruttuosa pesca nel mare Adriatico. Va da sé che anche la competenza, l’attrezzatura e la fortuna giocano un ruolo importante nel risultato finale; ma, al termine della giornata, la “location” fa la differenza tra chi ha vinto e chi ha perso!

 

Per questo motivo, la mappa dei migliori siti per la pesca è “top secret”. Ogni esperto pescatore custodirà gelosamente i dati per individuare il proprio sito di pesca, come se si trattasse del più segreto tra i segreti di Stato. Fiumi di parole sono stati spesi per descrivere i migliori siti di pesca del mar Adriatico: dopo aver acquistato la licenza di pesca, noi vi consigliamo di fare una chiacchierata con i pescatori locali, che conoscono il mare nel quale pescano come le loro tasche. Ognuno di loro vi dirà che la pazienza è l’arma più potente del pescatore, mentre l’esperienza la si conquista dopo tanti anni di pratica. E la pratica crea il pescatore di successo: nelle cinque zone di pesca del mar Adriatico, ogni pescatore avrà la possibilità d’incrementare la propria abilità avvicinandosi alla perfezione.

 

Le isole di Cherso e Lussino

Le ricche acque attorno alle isole del Quarnaro di Cherso e Lussino sono tra i siti di pesca più noti dell’Adriatico settentrionale. L’eterogeneità dei paesaggi di quest’area, tutti rocce, tane, anfratti e grotte marine, è amatissima dalle più pregiate specie ittiche della Croazia. Questo specchio di mare è popolato da saraghi, branzini (spigole), dentici e orate.

 

L’area marina delle Kornati

Stiamo parlando di una delle aree di pesca più ricche della Croazia, vero e proprio Eden sia per l’uomo, sia per i pesci. Nell’area del Parco Nazionale delle Kornati (Isole Incoronate), la pesca è severamente vietata. Ma nelle zone dell’arcipelago esterne al parco, e quindi estranee alla sua tutela, gettare la lenza da una barca, con lo sguardo perso sul favoloso paesaggio circostante, regala indescrivibili emozioni.

 

Isola di Žirje

L’isola di Žirje (Zuri) è un’oasi marina dell’arcipelago di Sebenico ed è considerata l’area di pesca più ricca della regione. Ognuna delle sue 29 calette è testimone di tante fenomenali imprese di pesca, come quando sono stati catturati alcuni degli esemplari di tonno più grandi mai pescati in queste acque.

 

Isola di Mljet

Le meraviglie del suo tesoro naturale e la misticità dei suoi verdissimi boschi hanno alimentato numerose leggende su quest’isola e diverse fenomenali storie di pesca. La magica natura dell’isola di Mljet (Melèda) attrae banchi di dentici, cernie, pagelli, mostelle, scorfani… Nell’area del Parco Nazionale la pesca è, però, severamente vietata.

Isola di Palagruža

Raggiungere quest’isola pelagica, che gli italiani chiamano Pelagosa, è un’impresa degna di Robinson Crusoe, ma la pesca nella solitudine del mar Adriatico è una festa per tutti i sensi del corpo. In Dalmazia, per questo stato dell’anima, hanno un’espressione che rende bene l’idea: “

Ko to more platit!”, ossia “Una cosa così non ha prezzo!”.