Fagioli e salsicce

Fagioli e salsicce

I fagioli sono uno dei legumi più popolari al mondo. Per la facilità con cui si cucinano, la loro economicità e le loro proprietà nutrizionali, i fagioli sono spesso preparati quando si ha necessità di sfamare una gran quantità di persone. Anzi, si dice che la zuppa di fagioli sia più buona quando è preparata in grande quantità, ancor meglio se mangiata qualche giorno dopo averla fatta. Per quel suo essere sazievole e generosa, la zuppa di fagioli è un piatto che veniva preparato da un po’ da tutte le famiglie, a prescindere dalla loro agiatezza. Ricchi di fibre, proteine e carboidrati, i fagioli hanno sempre fatto parte dell’alimentazione quotidiana degli eserciti di tutto il mondo. Oltre ad essere diventato il piatto principe della classe lavoratrice della Croazia continentale, i fagioli con le salsicce sono una specialità che rallegra sia dopo una faticosa giornata di lavoro, sia dopo una giornata trascorsa all’aria aperta. A questo proposito, tra chi sceglie di fare una gita sulla Medvednica, la montagna zagabrese, c’è l’usanza di ristorarsi, prima della discesa a valle, con un bel piatto fumante di fagioli e salsicce.

 

I fagioli secchi che si usano per fare i fagioli con le salsicce vanno lasciati a mollo dalla notte prima in abbondante acqua salata. Il giorno successivo si cambia l’acqua ed i fagioli si mettono sul fuoco a fiamma medio alta, finché non raggiungono il punto d’ebollizione. A questo punto si cambia nuovamente l’acqua con nuova acqua calda e si continua a cuocere. È il momento di incorporare la cipolla e le salsicce e, a piacere, anche un pezzo di lardo per l’aroma. Aggiustiamo di sale e pepe e portiamo ad ebollizione. Al primo bollore, aggiungiamo gli ortaggi a radice e, a piacere, le patate, e lasciamo cuocere a fuoco vivo finché i fagioli non si ammorbidiscono completamente.

 

A cottura ultimata, la zuppa va resa ancora più densa e per farlo le massaie ricorrono alla cosiddetta zaprška, ossia ad un po’ di farina soffritta a parte in una padellina con un filo d’olio, cui si aggiungevano alcune spezie come la paprika rossa e un mestolo d’acqua calda affinché il composto, una volta diluito, fosse in grado di mescolarsi meglio agli altri ingredienti della zuppa. Nonostante il lungo tempo di cottura necessario affinché i fagioli risultino morbidi e la zuppa densa e gustosa, un piatto di fagioli fumanti con salsicce ed una fetta di pane casereccio sono sufficienti per rifocillare non solo il corpo, ma anche l’anima soprattutto nelle giornate invernali particolarmente fredde e uggiose, cosa che si ripete anche in primavera per il Primo maggio, quando diventa il piatto-simbolo della Festa internazionale dei lavoratori.