Il Mediterraneo com' era una volta COSÌ BELLA, COSÌ VICINA
Ricerca
Homepage Ufficio di rappresentanza Italia Press Newsletter Zagabria – Il parco Maksimir, un'oasi di pace.  
 
Zagabria – Il parco Maksimir, un'oasi di pace.
Una delle oasi verdi più amate dagli abitanti di Zagabria è Maksimir, il parco più grande della città che ha festeggiato i 220 anni dalla fondazione. Il parco fu fondato alla fine del XVIII secolo entro l’aerea di un folto bosco secolare, grazie al nobile Massimiliano Vrhovac, il vescovo, grande amante della natura, dal quale il parco prende il nome.

Il vescovo di Zagabria iniziò i lavori nel 1787 nel territorio di caccia dei vescovi di Zagabria desiderando allestire il parco in stile classicistico e francese, con aiuole fiorite, con padiglioni, con roseti. Il parco fu allestito in parte e ufficialmente aperto al pubblico nel 1794. L’arcivescovo di Zagabria, cardinale Juraj Haulik, l’ultimo artefice del parco, abbandonò l'idea del parco in stile francese e all’inizio del XIX secolo allestì il parco Maksimir in stile del giardino romantico inglese - lussureggiante parco-bosco naturale.

Sul 316 ettari di terreno si susseguono i prati, le radure, i sentieri, i percorsi, i ruscelli e cinque laghetti artificiali. Fu costruito anche un imponente cancello d'ingresso, i padiglioni, la residenza vescovile dell'estate, il belvedere e vi furono poste molte sculture di decorazione e piantati fiori e piante a tema Uno dei simboli più riconoscibili del parco è il Belvedere, edificio centrale che fu costruito su una radura nel 1843 dopodiché il parco fu completato e messo a disposizione dei cittadini di Zagabria. Il Belvedere è concepito come una torre a due piani circondato da due terrazze sulle quali si può ancora oggi bere una bibita o godere della vista sul parco.

Nel 1842, sul modello delle case da villeggiatura del tempo, fu costruitala La Casa di Svizzera, una struttura rustica in legno con il pianoterra in pietra. Una volta questa era la casa del guardaboschi, e oggi nella casa si trova un piccolo bar.

Nel 1925 fu costruito lo zoo e un tumulo in memoria del Millennio del Regno di Croazia. Il monumento è creato con la terra presa da 155 posti di tutta la Croazia in cui ebbero luogo degli importanti eventi culturali e politici a livello nazionale.

La parte più a settentrione del parco è selvatica, qui si estende un bosco folto e vergine.
Il parco Maksimir dal 1948 rappresenta una zona protteta, e nel 1964 fu proclamato monumento dell’architettura e bene culturale protteto. Qui troviamo un'armonia eccezionale dei prati soleggiati, degli alberi lussureggianti, dei laghetti con cigni bianchi; vi sono anche delle lunghe e tortuose piste e percorsi pedonali e ciclabili - tutto ciò attira gli amanti della botanica e gli osservatori degli uccelli, ma ancor di più la gente comune, gli escursionisti che cercano la pace e la tregua dalla vita quotidiana.

Oggi il parco Maksimir è un luogo ideale, una vera oasi di tranquillità dove, a cinque minuti di distanza dal centro della città, puoi almeno per un momento rifugiarti dal rumore della città e goderti il riposo e la ricreazione. Ci sono molte possibilità che il parco offre ai suoi visitatori, come le passeggiate per i sentieri del parco, le camminate nordiche, lo jogging, il ciclismo, le barche a remi sul terzo lago, e per la ricreazione dei più giovani ci sono due campi da gioco.

Il parco Maksimir è così importante per Zagabria come lo è il Bois de Boulogne per Parigi e il Tiergarten per Berlino o il Regents Park per Londra.

Ufficio turistico della città di Zagabria
www.zagreb-touristinfo.hr

Parco Maksimir
www.park-maksimir.hr
 
 

Cookie policy

In order to provide you the best experience of our site, and to make the site work properly, this site saves on your computer a small amount of information (cookies). By using the site www.croatia.hr, you agree to the use of cookies. By blocking cookies, you can still browse the site, but some of its functionality will not be available to you.

What is a cookie?

A cookie is information stored on your computer by the website you visit. Cookies allow the website to display information that is tailored to your needs. They usually store your settings and preferences for the website, such as preferred language, e-mail address or password. Later, when you re-open the same website, the browser sends back cookies that belong to this site.

Also, they make it possible for us to measure the number of visitors and sources of traffic on our website, and as a result, we are able to improve the performance of our site.

All the information collected by the cookies, is accumulated and stays anonymous. This information allows us to monitor the effectiveness of the websites and is not shared with any other parties.

All this information can be saved only if you enable it - websites cannot get access to the information that you have not given them, and they cannot access other data on your computer.

Disabling cookies

By turning off cookies, you decide whether you want to allow the storage of cookies on your computer. Cookies settings can be controlled and configurated in your web browser. If you disable cookies, you will not be able to use some of the functionality on our website.

More about cookies can be found here:

HTTP cookie
Cookies