Il Mediterraneo com' era una volta COSÌ BELLA, COSÌ VICINA
Ricerca
 

Isola di Hvar

Isola di Hvar
La rinomata rivista Forbes, in una delle sue edizioni, ha annoverato Hvar (Lesina), isola della Dalmazia centrale, tra bellissime isole quali i Caraibi, le Maldive, le Hawaii, le Bahamas ...

I media internazionali hanno inserito quest'isola diverse volte nella top list delle isole più belle del mondo. Hvar è particolarmente nota per la sua costa frastagliata, le spiagge pulitissime e le abbondanze del sole, per la natura intatta, il profumo della lavanda, per gli uliveti e i vigneti. Proprio Hvar vanta il più alto numero di ore di sole annue in Europa: 2700 ore di media annuale.

La colonizzazione greca ha scelto quest'isola come importante centro strategico e marittimo. Il nome attuale dell'isola deriva dalla parola greca Pharos, che significa “faro”, successivamente cambiato in Phariu dagli antichi Romani, poi Fara dai Dalmati romani, e infine Hvar dai Croati, nell'Alto Medioevo.

Hvar, la più lunga isola adriatica, è ricca di spiagge per tutti i gusti. Per le famiglie con i bambini sono ideali le spiagge Soline, Grebišće e Mina, per le grandi comitive in cerca di divertimento Petarčica, Mlaska, Palmižana, Ivan Dolac e gli stabilimenti cittadini Laterna e Banj, per le coppie Maslinica, Dubovica, Pern e Bonj (quest'ultima inserita dal giornale britannico on line “The Times” tra le più belle spiagge europee). Gli appassionati del naturismo si troveranno a proprio agio sulle spiagge di Glavica, Zečevo, Stipanska e Šćedro.

Nel bacino intorno all'isola di Hvar è vietata la pesca subacquea, ma ai sub invece vengono consigliate le immersioni vicino all'isolotto Vodnjak e al promontorio di Stambeder. Lo stretto tra le isole Hvar e Brač (Brazza) è ideale per il windsurf, mentre sul versante meridionale dell'isola di Hvar si trova la cliffbase, località adatta al free climbing a strapiombo sul mare. Anche gli alpinisti e gli scalatori si troveranno a suo agio a Hvar, dove è possibile raggiungere la cima Sveti Nikola (S. Nicola) a 626 metri d'altitudine attraverso i ripidi versanti coperti da uliveti e vigneti.

Hvar, famosa oltre confine per la movida notturna e il divertimento, gode di fama mondiale grazie alle serate sfrenate nei night: Carpe Diem (il locale ambito dallo Jet set), Club Veneranda, Beach bar Hula Hula, Nautica bar, Kiva bar, Splash Beach bar e Vertigo klub.

A differenza delle sviluppate località turistiche lungo la costa, l'interno isolano offre un aspetto completamente diverso di Hvar. Vi si trovano villaggi dalla caratteristica architettura rurale con piazzette, strette viuzze tortuose, case in pietra con piccoli cortili, i pronunciati campanili delle chiese … Lungo la strada interna di 20 km si susseguono poi i pittoreschi villaggi di: Pitve, Vrisnik, Svirče, Vrbanj e Dol.

Le località dell'isola di Hvar

Hvar

Tra i punti d'interesse della città di Hvar spicca Pjaca detta Trg sv. Stjepana (la piazza S. Stefano). È una delle più grandi e più belle piazze cittadine della Dalmazia. Sul lato settentrionale della Pjaca svetta la Cattedrale di Hvar, dedicata a S. Stefano, papa e martire, santo protettore della Diocesi e della città di Hvar. L'Arsenale (il cantiere e il rimessaggio per i velieri), costruito nel Cinquecento, è uno dei più belli e meglio preservati sul Mediterraneo.

Il Monastero delle Benedettine con il Museo fu fondato nel Seicento. Gode di fama mondiale grazie alla lavorazione del merletto con i fili ottenuti dall'agava, la tradizione tramandata da diversi secoli.

Le mura cittadine risalenti a cavallo tra il Duecento e il Trecento cingono la parte più antica della città protendendosi fino alla fortezza, chiamata dai locali Fortica /pronunciato fortiza/, costruita nella metà del Cinquecento sul posto della rocca medievale.

Stari Grad

I Greci, provenienti dall'isola Paros hanno fondato la più antica città della Croazia nel 384 a. C., nello stesso anno in cui nacque a Stagira, città della Tracia, il filosofo greco Aristotele. Fu fondata sul punto in cui la profonda insenatura si insinua nel fertile campo isolano, coltivato a vigneti e uliveti dall'Antichità. Per secoli fu il riparo sicuro dei marinai, mentre oggi è un posto ideale per lunghe passeggiate e i piacevoli bagni nello stabilimento Lanterna. Il Museo, il Monastero dei Dominicani e numerose chiese sono soltanto una piccola parte di tutto ciò che assolutamente va visitato a Stari Grad. Il più importante monumento cittadino è il castello Tvrdalj, dimora estiva rinascimentale del poeta croato, il nobile Petar Hektorović della prima metà del Cinquecento. Sebbene fosse stato costruito nel periodo dell'assedio ottomano a forma di una fortificazione difensiva /in dialetto locale: tvrdalj/, il castello dispone del romantico parco e la peschiera.

Jelsa

Jelsa è un importante centro con ricca offerta turistica, situato sul versante settentrionale della parte centrale dell'isola. Jelsa, conosciuta per i vini eccellenti dall'Antichità, offre agli ospiti una recettività di ottima qualità, programmi culturali e di svago, nonché numerosi servizi sportivi e ricreativi. Tra i punti d'interesse spicca la chiesetta di S. Giovanni risalente alla fine del Seicento, la chiesa di S. Maria del primo periodo gotico, la pjaca (piazza) e il lungomare, alle cui spalle nel 1870 è stato creato, prosciugando la palude, uno dei maggiori e più bei parchi della Dalmazia.

Vrboska

Il paesino si trova nella profonda insenatura sinuosa che dalla sua forma richiama un fiordo. L'insenatura finisce in un canale con l'isolotto collegato da diversi ponti, motivo per cui Vrboska è soprannominata “la Piccola Venezia”. Vi si trova una delle più singolari chiese della Dalmazia a forma di fortezza, il simbolo del paesino: la chiesa della Madonna della Pietà, nonché il Museo della pesca che illustra la retrospettiva della ricca tradizione piscatoria del villaggio che ha dato il maggior numero di pescatori sull’isola.

Dubovica

L'ambita valla con la lunga spiaggia ghiaiosa e gli splendidi fondali. Vanta una lunga tradizione di dimore di villeggiatura.

Curiosità

Il campo di Stari Grad

Il campo di Stari Grad (Chora Pharou), il più grande e il più fertile delle isole adriatiche, si protende su una superficie di 6 Km dall'insenatura di Vrboska fino all'insenatura di Stari Grad. Dal 2008 è inserito nella Lista del Patrimonio Culturale dell’Umanità dell'UNESCO. La lottizzazione del campo è uno dei capolavori della cultura greca del Mediterraneo, che nonostante i tumultuosi eventi storici e le successive numerose lottizzazioni, è rimasto quasi invariato fino ai nostri giorni. Questo paesaggio con il sistema di vie e di grandi lotti ormai conservati dal periodo dell'antica Faros greca (IV secolo a. C.) rappresenta la migliore preservata lottizzazione antica del mondo. Nella zona del campo di Stari Grad si trovano quasi 120 siti archeologici, dalla preistoria fino al Medioevo.

Curiosità

- nel 1612 nella città di Hvar fu costruito uno dei teatri pubblici più antichi d'Europa.
- Ivan Vučetić (Juan Vucetich), ufficiale di polizia nativo di Hvar, fu il primo al mondo a perfezionare la dattiloscopia, metodo di identificazione con le impronte digitali.

Ente per la promozione turistica della Contea di Split e della Dalmazia
www.dalmatia.hr

Ente per la promozione turistica della città di Hvar
www.tzhvar.hr


 
 

Cookie policy

In order to provide you the best experience of our site, and to make the site work properly, this site saves on your computer a small amount of information (cookies). By using the site www.croatia.hr, you agree to the use of cookies. By blocking cookies, you can still browse the site, but some of its functionality will not be available to you.

What is a cookie?

A cookie is information stored on your computer by the website you visit. Cookies allow the website to display information that is tailored to your needs. They usually store your settings and preferences for the website, such as preferred language, e-mail address or password. Later, when you re-open the same website, the browser sends back cookies that belong to this site.

Also, they make it possible for us to measure the number of visitors and sources of traffic on our website, and as a result, we are able to improve the performance of our site.

All the information collected by the cookies, is accumulated and stays anonymous. This information allows us to monitor the effectiveness of the websites and is not shared with any other parties.

All this information can be saved only if you enable it - websites cannot get access to the information that you have not given them, and they cannot access other data on your computer.

Disabling cookies

By turning off cookies, you decide whether you want to allow the storage of cookies on your computer. Cookies settings can be controlled and configurated in your web browser. If you disable cookies, you will not be able to use some of the functionality on our website.

More about cookies can be found here:

HTTP cookie
Cookies