Dalmazia - Sebenico

Una terra cosparsa di perle.

Le acque limpide e cristalline del mare della regione di Sebenico (Šibenik) sono ornate da 240 magnifiche perle, in realtà isolotti e scogli, ognuno dei quali merita di far parte dell’itinerario della vostra avventura nautica per l’Adriatico.

 

I paesaggi di natura incontaminata dell’arcipelago delle Kornati (Incoronate) e le incantevoli cascate e i laghetti del fiume Krka (Cherca), compresi nei due parchi nazionali della regione, sono tappe obbligate del vostro viaggio.

Stipe Surać

Un paradiso per diportisti

Dove andare

Le vie dei sovrani croati

Da Skradin, cittadina di più di seimila anni, andremo, seguendo il corso del fiume Krka, sino a uno dei fenomeni naturali più famosi della Croazia: la cascata dello Skradinski buk. Esplorando l’entroterra, scoprirete poi un’altra città antica, anch’essa un tempo sede dei re croati: Knin, nei cui dintorni potrete trascorrere una vacanza attiva che vi ritemprerà nel corpo e nello spirito. A Sebenico, invece, sarete conquistati dalla cattedrale di San Giacomo, la cui cupola sovrasta i palazzi in pietra della città medievale, mentre le strette viuzze cittadine nelle calde serate estive invitano a stare in compagnia con il fascino suadente di una focosa bellezza mediterranea. Se al termine del vostro viaggio per le vie dei sovrani croati non vi avrà soddisfatto neanche la visita a Krapanj, isola delle spugne e fiera titolare di ben tre epiteti: la più piccola, la più piana e la più disabitata delle isole del Mediterraneo, allora concedetevi una mini crociera tra le isole del Parco nazionale delle Incoronate (Kornati), noto paradiso nautico, dove vivrete un’esperienza che riempirà la vostra anima di sensazioni positive. Lo spettacolo di mille isole, isolotti e scogli, che in nessun altro luogo del mondo è così gioioso come nelle Incoronate, vi lascerà senza parole.

1
POI image

Kornati

Il Parco nazionale delle Kornati (Incoronate) consiste in 89 isole, isolotti e scogli disabitati, sparsi su uno specchio di mare di soli 70 km2.

2
POI image

Krka

Con le sue sette cascate tufacee, un dislivello complessivo di 242 metri e la maggior barriera tufacea d’Europa (lo Skradinski buk), il Parco nazionale del fiume Krka (Cherca) è un fenomeno naturale e carsico di primissima grandezza.

3
POI image

La Dinara

La Dinara è una delle montagne più interessanti della Croazia. La sua parete rocciosa a sud-ovest, alta alcune centinaia di metri, suscita meraviglia e attira lo sguardo...

4
POI image

Opere di difesa veneziane tra il XVI e il XVII secolo

Il sistema difensivo di Zara e la fortezza di San Nicolò di Sebenico entrano nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco come due delle sei componenti di un sito seriale transnazionale “Opere di difesa veneziane tra il XVI ed il XVII secolo”.

2
POI image

Velebit

Questo straordinario regno di forme carsiche, paesaggi, flora e fauna unici al mondo hanno spinto l’UNESCO a proclamare l’intera area del Parco naturale del Velebit (Alpi Babie) riserva della biosfera.

6
POI image

Vransko jezero

Il Parco Naturale del Vransko jezero, che comprende il più grande lago croato ed il territorio circostante a due passi dal mare, sembra fatto apposta per coloro che amano la vita all’aria aperta.

7
POI image

Bribir

Si trova a 14 chilometri a nord-ovest da Skradin. I reperti archeologici trovati in quest’area risalgono dalla tarda Età di bronzo, attraverso l'antichità, il Medioevo fino ai tempi più recenti.

8
POI image

Il Trono di Spade - Braavos (Šibenik)

Vi ricordate il momento esatto in cui Arya Stark, impavida figlia di Lord Eddard Ned Stark, ha salvato il mondo dei vivi uccidendo il Re della Notte? Ebbene, una delle sue avventure è stata ambientata proprio a Sebenico (Šibenik).

9
POI image

Isola di Prvić

L’isola di Prvić, coperta di macchia mediterranea, vigneti e uliveti e caratterizzata da pittoresche insenature, è posta nell'arcipelago di Šibenik (Sebenico) nei pressi di Vodice.

10
POI image

Isola di Zlarin

Un ambiente naturale idilliaco ed incontaminato, fitte pinete, tante spiagge l’una diversa dall’altra ed altrettante calette nascoste estasieranno ogni visitatore.

11
POI image

Krapanj – Brodarica

Con una superficie di 0,36 km2 e un’altezza media sul livello del mare di 1,5 metri, Krapanj è l’isola abitata più piccola, bassa e densamente popolata del Mediterraneo.

12
POI image

La cattedrale di San Giacomo a Sebenico

La cattedrale di San Giacomo (Sv. Jakov) a Sebenico, per alcuni suoi particolari costruttivi, è un edificio sacro unico in Europa e, per questo motivo, annoverato tra i beni dell’umanità sotto l’egida dell’UNESCO.

13
POI image

La fortezza di Knin sul monte Spas

Questa fortezza militare nacque agli albori della storia croata, nel IX secolo. Erta sul versante meridionale del monte Spas, domina la città di Knin (Tenin) e i suoi dintorni. Per questo motivo, da ogni lato della fortezza si gode di un incantevole panorama. 

14
POI image

La spiagge delle isole Kornati

I paesaggi lunari delle isole Incoronate sono una destinazione ideale per gli appassionati del turismo d'avventura. Le innumerevoli insenature delle cento isole che compongono il parco nazionale sono dei luoghi irresistibili per i diportisti.

15
POI image

La spiaggia Slanica

Questa spiaggia sabbiosa con parti cementate e ombrose e un mare di poca profondità è la scenografia perfetta per gli appassionati di picigin.

16
POI image

Primošten

Un tempo isola, Primošten ha conservato l’atmosfera e tutte le caratteristiche architettoniche tipiche del borgo medievale di mare tipico del Mediterraneo.

17
POI image

Rogoznica

Rogoznica, località di sole e di mare, belle spiagge, ambiente carsico e pietra nuda, sorge a 25 km a sud di Šibenik (Sebenico). Piccolo borgo tipicamente mediterraneo, è una località ideale per una vacanza estiva lontana dalla calca cittadina.

18
POI image

Skradin

Distante 15 chilometri da Sebenico, Skradin (Scardona) è un romantico borgo tipicamente mediterraneo con un intrico di viuzze, porticcioli e scalette a due passi dall’ingresso al Parco nazionale della Krka.

Aleksandar Gospić

Con la bellezza selvaggia della bianca pietra carsica e dell’azzurro mare cristallino, l’insenatura di Sebenico(Sebenico) - vero e proprio paradiso nautico - vanta ben 240 isolotti e scogli particolarmente interessanti.

Se desiderate conoscere i più famosi corallai dell’Adriatico, non dovete far altro che approdare a Zlarin, mentre se volete conoscere una delle località famose per la pesca delle spugne, l’isola di Krapanj è ciò che fa per voi. Infine, se amate vivere esperienze uniche ed irripetibili, non dovete far altro che andare verso il mare aperto e scoprire le Isole Incoronate.

 

‘L’ultimo giorno della creazione, Dio volle coronare la Sua opera, e fu allora che con lacrime, stelle e respiri creò le Isole Incoronate’. È con queste parole che George Bernard Shaw descrisse questo fantastico arcipelago. Per dare un’idea di quest’incredibile creazione della natura, ossia dell’arcipelago più grande del Mediterraneo, è sufficiente ricordare che le sue isole sono tante quanti i giorni dell’anno. Qui è davvero il caso di dire: ‘Un’isola per ogni giorno dell’anno’! Centocinquanta di queste 365 bellezze costituiscono un nucleo tutto particolare: il Parco Nazionale delle Isole Incoronate. Le sue irregolari e suggestive pareti rocciose, imbiancate dal prezioso sale adriatico e battute dalla profumata bora, cadono a strapiombo sull’azzurro mare ed offrono un paesaggio senza eguali, mentre i porticcioli, le romantiche calette e le spiaggette nascoste sono un vero e proprio paradiso nautico per i nuovi Robinson Crusoe desiderosi di entrare in contatto con una natura vergine ed incontaminata.

Zoran Jelača

Dalle incantevoli cascate del fiume Krka a Šibenik, città del re Krešimir

Seguendo i sentieri del meraviglioso regno carsico del fiume Krka fino al mare, raggiungerete il più riparato porto naturale dell’Adriatico centrale e potrete conoscere la fiera città del re Krešimir: Šibenik. Lungo questo percorso, in cui troviamo antichi insediamenti rurali, sono presenti oltre 222 specie d’uccelli e l’unico centro per la tutela dei falchi dell’intera Croazia. Qui, inoltre, il limpido fiume Krka alimenta ben sette cascate, fra due delle quali (Roški slap e Skradinski Buk), l’uomo ha costruito due splendidi edifici: il monastero ortodosso di Sant’Arcangelo ed il convento di Visovac. Proprio come la leggendaria isola di Avalon , il convento francescano di Visovac, reso unico per la sua ubicazione su un isolotto nel bel mezzo di un lago formato dal fiume Krka, custodisce una preziosa biblioteca, opere d’arte ed una gran quantità di altri oggetti di valore, tra i quali anche la sciabola di un valoroso guerriero.

Zoran Jelača

L’affascinante patrimonio culturale di una città millenaria

Menzionata per la prima volta nel 1066 nei documenti del re croato Petar Krešimir IV, al quale deve il proprio appellativo di ‘città di Krešimir’, Šibenik fu fondata dai Croati oltre mille anni fa. Passeggiate e curiosate per le stradine inerpicate, le scalinate e le piazze di questa città, ed alcune delle più preziose opere d’arte dell’intera Dalmazia appariranno, come per incanto, davanti ai vostri occhi. Se visiterete Šibenik d’estate, per queste stesse stradine inerpicate, scalinate e piazze potrete assistere agli spettacoli del Festival Internazionale del Bambino, alle ‘Serate della canzone dalmata’, o ai vari eventi organizzati in occasione della suggestiva Fiera Medievale di Šibenik.

 

Degne di nota sono le fortificazioni e le torri di Šibenik, città natale dell’inventore del paracadute, Faust Vrančić, nonché il suo maggiore e prezioso monumento d’arte sacra, la cattedrale gotico—rinascimentale di San Giacomo (XV e XVI secolo), la cui cupola di pietra bianca domina, come una corona, l’intera città. Costruita in più di cento anni dalle mani sapienti dei maestri scalpellini con una tecnica costruttiva del tutto originale impiegando grandi lastre di pietra bianca (quest’ultima proveniente esclusivamente dalle isole di Brač e Korčula), è inserita all’interno della Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Osservando dal basso verso l’alto questa costruzione unica nel suo genere, opera innovativa del maestro Juraj Dalmatinac (Giorgio Orsini), resterete senza fiato. Se poi si pensa che è stata costruita nel XV secolo, quando i moderni macchinari di costruzione ancora non esistevano, si rimarrà stupefatti del lavoro compiuto con bellezze architettoniche come, ad esempio, la volta a botte e la cupola della chiesa che non hanno strutture di sostegno e tegole, ma sono state realizzate soltanto con pesantissimi blocchi di pietra posti uno accanto all’altro ad incastro su costoloni d’appoggio. Notevole, non vi pare? E se dedicate un po’ di tempo anche al battistero, all’elegante facciata trilobata rinascimentale ed al famoso fregio raffigurante 88 teste che corre attorno ai muri esterni dell’abside della cattedrale, capirete perché San Giacomo sia così particolare e perché sia giustamente definita la più bella cattedrale della Dalmazia ed il più bell’edificio sacro dell’intera Croazia.

Mario Hlača

Le meraviglie della vera cucina dalmata

Per concludere, non vi rimane che gustare i sapori della cucina della regione di Šibenik, in particolare il gusto delle rinomate cozze raccolte nelle verdi e trasparenti acque della foce del fiume Krka. Accompagnate il tutto con un buon bicchiere di Babić, vino rosso prodotto dai vigneti della vicina Primošten. Per la loro bellezza e per le difficili condizioni geo-morfologiche in cui crescono, questi vigneti sono diventati un’immagine simbolica del duro lavoro dei contadini. Data la loro bellezza e particolarità, troviamo una loro fotografia anche nell’atrio del Palazzo delle Nazioni Unite!

La passione per l'acqua come motore di tutto